Paella di fruti di mari

PAELLA DI FRUTI DI MARI

Per 4 persone

  • Olio vergine di oliva – 230 cc.
  • Aglio – 2 o 3 spicchi, secondo la grandezza.
  • Riso – 400 g.
  • Zafferano. 
  • Calamari -300 g.
  • Brodo di pesce – il triplo rispetto al riso.
  • Scampi – 4 grandi come o più dei gamberi.
  • Clochina – 8 unità.
  • Colorante alimentare – nel caso non si abbia zafferano.
  • Gamberi – 8 unità, più grandicelli sono meglio è.
  • Pimentón – un cucchiaio o la polpa di 4 ñoras.
  • Seppie – 300 g.
  • Pomodoro – 4 cucchiai (grattugiato o tritato).

 

Procedimento

Tagliamo le seppie e i calamari a quadratini di circa 2 cmdi lato. Scaldiamo l’olio e, quando inizia a far fumo, saltiamo i gamberi e gli scampi per un minuto, li togliamo e li mettiamo da parte. Incorporiamo le seppie e i calamari e li soffriggiamo fin quando non inizino ad assumere un colore leggermente dorato. A questo punto aggiungiamo il pomodoro e due spicchi d’aglio finemente tritati e lasciamo soffriggere bene, fin quando non inizino a scurirsi.

Aggiugiamo il pimentón dulce o le ñoras, rimestiamo il tutto e incorporiamo il riso. Di seguito si versa il brodo bollente, mezzo spicchio d’aglio ben tritato e si lascia cuocere a fuco vivo. Ai 10 minuti di cottura collochiamo con cura i gamberi e gli scampi sul riso e lasciamo cuocere altri 5 o minuti a fuoco moderato, fin quando il brodo sia completamente evaporato.

Alcuni aggiungono al soffritto due cucchiai di cipolla tritata molto finemente.

Gli ingrediente ideali per preparare il brodo sono: lisca e testa della coda di rospo, pesci di scoglio e di riva, canocchie e/o granchi. Sono sufficienti 25 minuti di cottura.

Al brodo si possono inoltre aggiungere una cipolla e un pomodoro o una foglia di alloro.

Più saporito sarà il brodo, più gustosa sarà la paella.

Se il budget lo permette, si possono aggiungere pezzi di aragosta o astice o addirittura delle vongole, pezzi di coda di rospo o di pesce spada.